fotografo de gregorio
fotografo de gregorio
Artista della Luce Il fotografo De Gregorio lo troviamo camminando lungo le strade del paese vecchio di Termoli. Nei pressi della Cattedrale vengo attratto dall’atmosfera incantata e ammiccante di una bottega. Entrando,  illuminata da una candela scorgo il volto di un uomo con baffo all’insù. Sembra di essere di fronte a Salvatore Dali, l’eccentrico uomo d’arte. Lo scherzo visivo dura poco, lo conosco mi è familiare, è il fotografo De Gregorio Antonio. Il grande fotografo artista che da qualche anno avevo perso di vista. Provo una gioia incontenibile ed ho voglia di abbracciarlo, l’uomo della luce. Immutato nel tempo come il quadro di Dorian Gray, Antonio è uno degli ultimi fotografi artisti. Domina la luce totalmente, la modella, e attraverso il suo uso creativo, realizza foto  simili a opere Caravaggesche. Il suo lavoro Spesso in passato mi è capitato di seguirlo nel suo lavoro vedere la competenza e la sensibilità con cui creava le sue “opere” mi incantava. La sua originalità si evidenziava in ogni scatto. L’amicizia rafforzata da una collaborazione lavorativa risale al suo ritorno da Milano a Termoli, dopo aver girato il mondo come fotoreporter per la De Agostini. Il desiderio di conoscere l’uomo della luce era nato […]
Clicca qui
Fotografo di Paese
Fotografo di Paese, è quello che rispondo quando mi  sento chiedere che lavoro svolgo. Già, fotografo di paese; cioè? È la domanda successiva. Qui, la risposta è più complessa e allo stesso tempo gratificante articolarla. Vivo in un paese piccolo, dove le persone si conoscono tutte anche solo di “vista”. E di molte di esse ho ritratto i momenti salienti della loro vita: dalla prima comunione alla cresima, al matrimonio, al battesimo dei loro figli è così proseguendo, in un circolo che è la vita stessa. Ed in questo cerchio immaginario ci sono tantissime tappe, dalle semplici fototessere per i documenti, alle foto goliardiche con gli amici, alle foto di famiglia ed a quelle di puro piacere per gli occhi. Si può obiettare che oggigiorno, i telefonini con fotocamere semiprofessionali sono a disposizione di tutti . E tutti fotografano tutto. È questo è anche il limite dei nostri tempi. Cosa abbiamo fotografato nel corso di questi anni di smartphone? Cosa conserviamo di tutto questo materiale? La risposta è disarmante: tutto e niente. È tutto nei file, nelle memorie tecnologiche, m  a al piacere degli occhi, alle mani che sfogliano album ed indicano momenti particolari che tornano nella nostra memoria umana, rimane ben […]
Clicca qui
Il “ragioniere” IGINO PILONE come piaceva farsi chiamare era un fotografo di terza generazione. Prima il nonno, poi il padre, infine lui. L’apertura dello studio fotografico risale al 1902 superando gli oltre 100 anni di attività. Tutti a Larino lo chiamavano “ragioniere” fotografo, da bambino ricordo,  in occasione di un matrimonio,  la sua figura distinta, professionale, elegante, attenta a svolgere il suo lavoro. Sarà stato un caso ma dopo aver frequentato l’istituto di ragioneria  a Campobasso Leopoldo Pilla, iniziai la professione di fotografo.  Questa curiosa coincidenza fece da pretesto per incontrare “il ragioniere”. Nacque subito un grandissimo legame professionale e una bella amicizia, aiutato in questo da un amico comune Pietro. Durante i vari incontri e viaggi mi raccontava la sua storia con molto orgoglio e fierezza, aveva studiato al Mario Pagano di Campobasso conseguendo il diploma di “ragioniere”, questo caratterizza  la sua vita disciplinando la professione di fotografo, con precisione, un giorno mi disse: “posso dirti le pellicole usate per quell’evento, i costi sostenuti ecc. in quanto da sempre, non chiudo se prima non ho registrato e contabilizzato tutto”. La sua casa con annesso lo studio fotografico sito in vico Freddo, è un ricordo ancora vivo in me, qui […]
Clicca qui
Parte una nuova iniziativa. Con grande passione, orgoglio ed anche molta emozione, voglio raccontarvi i miei 30 anni di esperienza, in particolare tutti coloro che ho incontrato e che hanno contribuito alla mia crescita professionale. Ecco a voi la prima storia. Dopo cinque anni di scuola superiore ho scelto fare il sevizio civile, durato ventisei mesi a San martino in Pensilis con il mio amico Paolo. Nel tempo libero una persona importante ha mosso la mia curiosità, Domenico D’Adderio, uno dei fotografi del paese, ormai in età avanzata. Con lui passavo i pomeriggi nel suo laboratorio di fotografia. I pomeriggi volavano e scoprivo la mia passione per la fotografia. Una cosa che non potevo fare a meno di notare erano le sue macchinette fotografiche in particolare quelle a lastra con le quali immortalava in un modo affascinate il mondo di allora, e le successive Rolleiflex con rullini 120 e in ultimo la Pentax con rullino 135. Oltre ad essere un grande fotografo era un ritoccatore di foto incredibile (senza photoshop), riusciva a eliminare imperfezioni direttamente sul negativo per migliorare la fotogenia dei volti. La più grande scoperta è stata il sistema di illuminazione che utilizzava luce continua con fondali dipinti a […]
Clicca qui